L'associazione dei giocatori, NZRPA, propone un'alternativa all'accordo con Silver Lake.

Dopo l'approvazione da parte del board di New Zealand Rugby - NZR -, con il benestare di tutte le provincie neozelandesi e del Māori Rugby Board, circa la proposta della società di private equity americana Silver Lake, per l'acquisizione del 12,5% dei diritti commerciali di NZR, la palla è passata alla New Zealand Rugby Players Association - NZRPA - per la decisione finale. C'è da riportare che NZRPA aveva già espresso un parere negativo circa l'operazione.



.


In un documento ufficiale, la NZRPA ha inviato a New Zealand Rugby la proposta di vendita di una quota del cinque per cento nell'attività commerciale di NZR tramite una quotazione alla borsa valori Neo Zelandese.


NZRPA ha incaricato la società di investimento neozelandese Forsyth Barr nella ricerca di alternative, ha riferito al sito stuff.co.nz. il presidente della NZPRA, David Kirk, che è anche il presidente di Forsyth Barr.


La società di investimento ha affermato di aver valutato il valore dei diritti commerciali di Nuova Zelanda Rugby tra 3,4 miliardi di NZ $ 3,8 miliardi di NZ $, superiore alla valutazione di Silver Lake di 3,1 miliardi di NZ $. Ha aggiunto che la proposta alternativa potrebbe valere tra NZ $ 450 milioni e NZ $ 650 milioni e potrebbe essere pronta per il lancio a settembre di quest'anno.


"La raccolta di una quantità significativa di capitale privato, attraverso un'offerta pubblica alla NZX permette di raggiungere una valutazione superiore a quella offerta da Silver Lake è una valida alternativa per NZR, con un economico risultato migliore e una cessione inferiore di quote", si legge nel promemoria.


"NZR manterrà un maggiore controllo sul proprio futuro, maggiore flessibilità e un più vasto ventaglio di opzioni, oltre a condividere i suoi risultati con i neozelandesi che desiderano investire nel business".


Inoltre, l'NZRPA afferma che attraverso l'IPO sarà possibile distribuire 35 milioni di NZ $ alle province e al Māori Rugby Board, un aumento rispetto all'accordo Silver Lake, e si tradurrà in riserve di liquidità comprese tra 136 milioni di NZ $ e 154 milioni di NZ $.


New Zealand Rugby aveva precedentemente rifiutato due proposte provenienti da Silver Lake, una che prevedeva che il New Zealand Rugby si assumesse un debito di 60 milioni di NZ $ e un'altra che prevedeva la vendita di una quota del cinque per cento dell'attività commerciale di NZR sul mercato pubblico neo zelandese.


Mark Robinson, amministratore delegato di New Zealand Rugby, aveva, in precedenza, accusato l'associazione dei giocatori di cercare di far fallire l'accordo con Silver Lake, aggiungendo come si rischiasse che: "la più grande opportunità per il futuro del rugby in Nuova Zelanda potrebbe essere persa".


La questione si è fatta più complicata quando Robinson ha aggiunto che la mossa della NZRPA si è tradotta in una violazione fondamentale delle norme di confidenzialità, per aver condiviso informazioni riservate che "non erano state rese pubbliche e che non dovevano essere condivise con realtà terze come la Forsyth Barr o qualsiasi altra entità professionale".