top of page

Il declino dell'Australian Rugby Union

Aggiornamento: 11 mag 2021

Il rugby australiano, oggi Australian Rugby Ltd, una volta aveva 40 milioni di dollari in banca. Folle di oltre 100.000 spettatori allo stadio. Un'audience televisiva superiore ai 3 milioni.


Oggi i Wallabies sono scesi alla settima posizione del World Rugby Ranking, la posizione più bassa di sempre. Fuori dal campo, il rugby union in Australia è una "zona di guerra" con un deficit di 20 milioni di dollari, solo lo scorso anno.


Alla vigilia della stagione 2021, le prestazioni sul campo e la fragilità economica continuano a preoccupare.


Il declino del rugby australiano è in atto da molti anni e il cambio di Amministratore Delegato e un nuovo partner televisivo non sembrano avere portato alcun cambiamento.

Il nuovo CEO di Rugby Australia, Andy Marinos riuscirà a invertire le sorti del rugby australiano? Nella sua prima conferenza stampa, da quando ha assunto il ruolo, Marinos ha affermato che i Wallabies dovranno iniziare a vincere per potere cambiare la situazione finanziaria. Non è sembrata la dichiarazione di chi ha un piano strutturato per invertire la tendenza. Il problema è come far tornare i Wallabies ad avere successo. È scontato che uno degli obiettivi di RA deve essere quello di fare tornare i Wallabies competitivi e non solo, anche le cinque franchise del Super Rugby: Brumbies, Melbourne Rebels, NSW Waratahs, Queensland Reds e Western Force, dovranno tornate al vertice per potere invertire l'attuale tendenza negativa.


Tornare a vincere non sembra una soluzione di breve periodo. Lo scorso anno sia gli All Blacks che i Wallabies hanno cambiato allenatore e struttura di gioco. Gli All Blacks hanno ricevuto axpre critiche per il loro gioco, ma hanno vinto sia la Bledisloe Cup che il Tri Nations. Al contrario, i Wallabies sono arrivati ​​ultimi al Tri Nations, dietro gli All Blacks e l'Argentina, in un torneo che si è svolto in casa loro.

L'altro grande problema che deve affrontare il rugby australiano è la fragilità economica, che era antecedente alla pandemia di coronavirus, e che è stata ulteriormente aggravata dall'impatto devastante del Covid-19. RA ha ridotto le sovvenzioni annuali per le franchigie del Super Rugby da $ 5,5 milioni a $ 4 milioni e ha tagliato gli stipendi dei Wallabies, rendendo più difficile impedire ai giocatori di dirigersi all'estero. Jack Dempsey, giocatore dei Wallabies e di Waratah, è stato solo l'ultimo ad unirsi all'esodo di massa dei giocatori australiani verso club ricchi in Europa e Giappone. Tifosi e giocatori si augurano che le cose possano cambiare presto. Per ora RA ha chiuso un nuovo accordo di trasmissione con il broadcaster televisivo, in chiaro, Nine, mentre il servizio di streaming è andato alla società Stan. RA ha concluso la collaborazione con Fox Sports dopo 25 anni. Si ritiene che l'accordo valga circa $ 90 milioni in tre anni, ma una buona parte viene pagata attraverso "contra vouchers". Per cui, la componente in contanti dovrebbe essere solo di circa 18 milioni di dollari all'anno, ben al di sotto dei 57 milioni di dollari del precedente contratto con Fox Sports. Questo nuovo contratto non risolverà i problemi finanziari del rugby australiano. La grande differenza è che l'accordo Nine / Stan prevede, per la prima volta, una copertura in chiaro per Super Rugby, una scommessa che il management di RA ha preso per la crescita della popolarità e dell'audience televisiva.

Nove ha riciclato diversi ex commentatori della Fox. La nuova emittente deve attuare un'attenta strategia per aumentare la base del pubblico televisivo. Una scommessa sulla quale RA punta molto del proprio futuro. Mentre, per ora, gli abbonamenti al canale di streaming, Stan, non sembrano andare come sperato. Stan offre una prova gratuita di 30 giorni, che è quasi la metà della stagione Super AU. Questa offerta ci dice molto circa la situazione della vendita di abbonamenti. Durante la pandemia, con il Super Rugby AU che comprende solo cinque franchigie australiane, la competizione è limitata a solo due partite a settimana. Ovviamente, oggi l'obiettivo è sopravvivere per poi puntare al ritorno del Super Rugby con le franchigie neo zelandesi e sud africane. L'Australia ha un disperato bisogno di allearsi con il Super Rugby Aotearoa della Nuova Zelanda, per creare una competizione trans-Tasman o addirittura stringere legami con la Top League in Giappone. Ma le squadre australiane dovranno essere competitive contro i Kiwi, per riguadagnare credibilità e aumentare il proprio seguito.


Ma non si sa ancora quando si svolgerà una possibile competizione trans-Tasman. Anche la competizione proposta dopo la conclusione del Super Rugby di quest'anno sembra essere in serio dubbio. Senza un investimento significativo da parte di fondi di private equity, sarà difficile per il rugby australiano migliorare, in maniera importante, la propria posizione finanziaria nei prossimi tre anni, incidendo sulla competitività delle squadre. È un circolo vizioso. Eppure c'è ancora un'enorme fan-base "dormiente" in Australia, che potrebbe essere risvegliata dai Wallabies e dalle squadre del Super Rugby - se solo riuscissero a trovare un modo per esibirsi.



Kommentare


bottom of page